Lavoro. Smeriglio: nel Lazio al via reddito di cittadinanza per i giovani Neet

di Redazione

700 euro mese per potenziamento culturale ragazzi dai 18 ai 29 anni.

neet

A settembre partirà un progetto sperimentale della Regione Lazio che si chiamerà 'reddito di inclusione formativa' e vuole essere il reddito di cittadinanza della nostra regione, perché forme di reddito di cittadinanza sono presenti in tutta Europa tranne in Ungheria, Grecia e Italia". Lo ha detto il vicepresidente della Regione Lazio, Massimiliano Smeriglio, intervistato in esclusiva dall'agenzia Dire.

"Inizieremo con 5mila ragazzi Neet (acronimo che indica chi non cerca un impiego, non frequenta una scuola ne' un corso di formazione o di aggiornamento, ndr) dai 18 ai 29 anni - ha spiegato Smeriglio - a cui daremo circa 6-700 euro (derivanti da fondi sociali europei) al mese per un anno - metà in forma diretta e metà da utilizzare per il “consumo” culturale – per far sì che si mettano in gioco. Per un anno, questi ragazzi dovranno quindi “lavorare” al loro potenziamento culturale e sociale". In che modo? "Andando al cinema, al teatro, viaggiando, visitando mostre. Questa sarà la nostra sperimentazione di reddito di cittadinanza", ha spiegato Smeriglio.

Una misura di sostegno ai giovani "che va ad aggiungersi a molte altre messe in campo dalla Regione, come il programma di mobilità “Torno subito” o l'azione di micro-credito, “Fondo Futuro”. Una pillola di speranza in un panorama occupazionale giovanile drammatico, dove a poco sono servite le politiche nazionali di questi anni come il Jobs Act o Garanzia giovani", ha concluso il vicepresidente della Regione Lazio.

 

Fonte: Agenzia Dire