Al via la rassegna “Settembre d’ ‘o vico”, dialoghi tra musica e teatro

di Redazione
Stampa

I balconi di un bene confiscato alla camorra si apprestano ad ospitare ogni venerdì di settembre una rassegna di grande rilievo sia artistico che sociale

a voce do vico

A partire dal 6 settembre, per ogni venerdì del mese, nel Rione Sanità – in via Montesilvano, 4/5 – in spazi prima occupati dalla camorra si darà vita al progetto “Settembre d’ ‘o vico”; quattro appuntamenti che, nella loro ideazione e realizzazione, possiedono una grande ricchezza umana, artistica, sociale.

Un nonno eroico e coraggioso – che per ben tre volte si rifiutò di piegarsi alla prepotenza della camorra e per questo venne barbaramente ucciso – segna la memoria e la vita dei nipoti, oggi impegnati a diffondere e ad agire, nei luoghi più caldi della città, l’amore per la legalità e la condivisione, nel disegno di una società civile più vivibile e presente. Nasce così Addà passà ‘a nuttata associazione capofila di altre cinque associazioni onlus, voluta fortemente da Davide D’Errico in nome di nonno Lucio. Con il progetto Opportunity, oggi ha conquistato il cuore delle famiglie e dei ragazzi del quartiere e la loro partecipazione alle attività proposte e offerte: assistenza legale e medica, corsi di lettura e di teatro, tutto completamente gratuito, in rete con professionisti e altre realtà di volontariato, ottenendo persino, per i giovani che lo desiderano, il riconoscimento di servizio civile. Il racconto è quello di ragazzi colmi di entusiasmo e voglia di fare e soprattutto con il desiderio di credere nel possibile sviluppo e cambiamento di una realtà in forte degrado e abbandonata a sé stessa.

Nel quartiere di Padre Loffredo, della Sanità Ensemble, del Teatro Sanità, con Opportunity fa il suo ingresso il laboratorio di Putèca Celidònia una realtà che nasce nel 2018 dall’incontro di sei allievi della Scuola del Teatro Stabile di Napoli, il Mercadante. Putèca un nome di origini greche, è il luogo dove si agisce, si lavora, celidònia è una pianta erbacea che nasce spontanea nel bacino mediterraneo e anche il suo nome deriva dal greco, chelidòn (ovvero rondine), perché le rondini strofinano le sue foglie sugli occhi ancora chiusi dei rondinini affinché il suo lattice caustico apra i lembi di pelle degli occhi dei piccoli, permettendo loro di vedere. Una metafora splendida per l’attività e la mission di Putèca che, con le lezioni di teatro, coinvolge i giovani ragazzi del Rione Sanità, insieme ad attori, cantanti, musicisti, nel progetto settembre d’ ‘o vico, una iniziativa culturale contro la camorra, formativa e partecipativa. Il calendario degli spettacoli – che lo scorso anno ha avuto come ospiti fra gli altri Cristina Donadio e Maldestro – per questa nuova edizione è particolarmente invitante e vede tra i protagonisti Eugenio Bennato, Eduardo Scarpetta, Antonella Morea, Wanda Marasco, Massimiliano Gallo, Lucio Allocca, Daria D’Antonio e tanti altri (il programma degli incontri si può leggere nella locandina allegata o cliccando qui).

Si parte stasera con Eugenio Bennato e Eduardo Scarpetta, insieme all’allegria de la Bateria PegaOnda, tutti in scena sui balconcini del vicolo, e noi di QuartaParete li rincontreremo per raccogliere dalla loro voce la testimonianza di questa esperienza.

(Fonte: Quartaparetepress – Fonte foto: Facebook (Opportunity events)