#Cultura

"Tante lingue per un gol"

contro_il_razzismo_arriva_uno_spot.jpgLa Commissione, l'UEFA e FARE fischiano l'inizio della stagione calcistica 2008-2009 con uno spot TV comune volto a promuovere la tolleranza attraverso le lingue. Nel quadro dell'anno europeo del dialogo culturale 2008, la Commissione europea, l'UEFA (l'Unione Europea delle Federazioni Calcistiche)) e FARE (Football Against Racism in Europe – Calcio contro il razzismo in Europa) lanciano uno spot TV comune con l'obiettivo di sensibilizzare sulla tolleranza e sul ruolo delle lingue come ponti tra le persone.

#Cultura

Rafforzare l'integrazione sociale dei disabili attraverso lo sport

In occasione di una visita ufficiale a Beijing per assistere ai Giochi Paralimpici, il Commissario europeo responsabile per lo sport, Ján Figel', ha firmato la settimana scorsa una Dichiarazione Congiunta con il Presidente del Comitato dei Giochi Paralimpici (EPC), Enrique Sánchez-Guijo.

#Cultura

TXT 4 Peace

Giornata internazionale della Pace (di redazione)

pace.jpgAl fine d’incoraggiare una maggiore consapevolezza su questa importante giornata, le Nazioni Unite hanno invitato le persone di tutto il mondo ad inviare, prima del 21 di settembre o in quello stesso giorno, messaggi di pace. Gli Uffici delle Nazioni Unite di molti Paesi hanno organizzato campagne per celebrare la giornata. I messaggi raccolti dalle Nazioni Unite saranno presentati ai leader mondiali che si riuniranno da oggi 22 settembre a New York per la 63esima sessione dell’Assemblea Generale.

#ProtagonismoGiovanile

“Incentivare la realizzazione di momenti in cui i giovani possano essere protagonisti"

“Sono per il servizio civile obbligatorio”. La parola a Cristian Carrara, Portavoce del Forum Nazionale dei Giovani, che risponde a domande sulla condizione giovanile e sulle politiche giovanili in Italia (di Gianfranco Mingione)

carrara1.jpgIn un panorama giovanile molto frammentario, chi sono e come possono definirsi oggi i giovani? Definire i giovani oggi è forse impossibile. Alcuni tentano di analizzarli come fossero un blocco monolitico. In realtà i giovani rispecchiano le divisioni e le frammentazioni presenti nella nostra società. Possiamo dire che i giovani sono naturalmente destinati a portare innovazione, se non altro per il fatto che davanti a sé hanno l’età adulta, e la maturità, da raggiungere. Per questo hanno un desiderio naturale di cambiare le cose.. non è detto sempre in meglio…

#ProtagonismoGiovanile

"Fondamentale per una svolta innovativa della politica il coinvolgimento dei giovani"

Intervista a Francesco Emilio Borrelli, ex “enfant prodige” della politica napoletana (di Francesco Enrico Gentile)

.

borrelli_assessore.jpgTrentenne napoletano è impegnato sul fronte politico dai tempi dell’università quando fondò e guidò, per otto anni, la Confederazione degli studenti. Dal 2001 nello staff dell’assessore del comune di Napoli Casimiro Monti, nel luglio 2004 diventa, e lo è tutt’oggi, Assessore della Provincia di Napoli, nella giunta guidata da Dino Di Palma con le deleghe all’Agricoltura, ai parchi e alle aree protette, alla forestazione e alla protezione civile. Assessore Borrelli, lei per tanto tempo e’ stato definito come “l’enfant prodige” della politica napoletana. Come è stato dover convivere per lungo tempo con una definizione del genere?
#ServizioCivile

Serve America Act: nuove frontiere per il Servizio Civile Americano

L’obiettivo è di arruolare un esercito di 175000 volontari, in aggiunta ai 70000 di oggi (di Andrea Sottero)

bandiera_americana.jpgPresentando il nuovo disegno di legge, il senatore Ted Kennedy ha esordito con la frase forse più celebre pronunciata dal fratello presidente: “Non chiedetevi che cosa il vostro Paese può fare per voi, ma cosa voi potete fare per il vostro Paese”. Ed effettivamente il “Serve America Act”, fortemente voluto dallo stesso senatore Kennedy e dal suo amico, nonché senatore dello Utah, Orrin Hatch, va esattamente nella direzione di spronare gli Americani, di qualunque età, a impegnarsi attivamente nel volontariato.

#ProtagonismoGiovanile

Dark Elevatore: tra sit-com e realtà. Storie quotidiane di gioventù sospese

I francesi lo chiamano Dark elevator, e ne hanno fatto una sit-com di successo, fatto di sketch esilaranti e storie divertenti. In realtà c’e’ poco da ridere, né tantomeno molto da sorridere visto che parliamo di mobilità sociale, opportunità per le giovani generazioni, successo e merito (di Francesco Enrico Gentile)

.

francesco_gent.jpg

La primogenitura spetta al sindacato cattolico francese Cftc che qualche mese fa diramò uno spot divertente ma drammatico: sette giovani professionisti intrappolati in una ascensore che nessuno riusciva a sbloccare.Una metafora ardita per una condizione che sempre più rischia di divenire atavica in un’Italia, ma più precisamente in un ‘Europa, in crisi di identità. “L’ascensore sociale” italiano e’ bloccato, almeno stando agli studi di Bankitalia che denuncia un paese sempre meno in grado di assicurare ai figli un futuro, una condizione, stili di vita e opportunità migliori di quelli dei loro padri.
#ProtagonismoGiovanile

Il Presidente del Consiglio ai giovani: “Fate politica ma prima di tutto lavorate"

“Le occasioni bisogna crearsele tentando in tante direzioni. Trovate un lavoro, createvi una professione, cambiate spessissimo. Cercate lavoro magari all’estero". Il Presidente Silvio Berlusconi 'docet' (di Anna Laudati)

berl_seduto_con_meloni.jpgLa cornice è quella del parco Celio nei pressi del Colosseo per Atreju. Centinaia i ragazzi presenti, tra addetti ai lavori, autorità e giornalisti. Ma le parole del Presidente, per circa due ore e mezza di intervento, dalle 19.00 alle 21.30 sono state tutte per i giovani e non solo quelli presenti del Pdl, ma per tutti i giovani italiani. Una sorta di invito ad aiutare lo Stato a sollevarsi attraverso il loro singolo impegno sia politico che lavorativo. “Va bene impegnarsi nella politica, ma non si può pensare né sperare di fare i funzionari a vita. Cercate oltre che studiare di costruirvi una professione”. Silvio Berlusconi, Presidente al suo terzo mandato, si presenta all’evento di Atreju, accompagnato dal Ministro più giovane mai nominato, Georgia Meloni.

#Cultura

Un premio giornalistico contro la discriminazione di respiro internazionale

Il “For diversity. Against discrimination” journalist award (di Andrea Sottero)

headerpic_logosd_it.gifAi premi giornalistici siamo ormai abituati. Pochi, purtroppo, sono quelli che realmente possono essere d’orgoglio per i vincitori (fatta salva l’innegabile soddisfazione personale per quello che è pur sempre un riconoscimento). La maggior parte, al di là del valore monetario di ciò che si vince, non aggiunge nulla al prestigio o alla mediocrità di una eccellente (o insignificante) carriera nel mondo dell’informazione. Quando, però, il premio assume un respiro europeo, si libera, almeno in parte, dei vincoli, delle inutili leggi non scritte dell’apparato giornalistico italiano, allora vale comunque la pena di prenderlo in considerazione. In questo caso, infatti, è un’occasione concreta di confronto e di crescita, soprattutto se a partecipare non sono solo le grandi firme, con grandi e importanti esperienze alle spalle.

#ProtagonismoGiovanile

Forum regionale della gioventù: un laboratorio di idee, azioni e volontariato

"I giovani sono stanchi di politiche solo annunciate e mai attuate". Intervista a Michele Corleto, presidente del Forum Regionale della Gioventù della Campania (di Anna Laudati)

michy.jpgGiovane avvocato napoletano, Michele Corleto, da studente è stato presidente della Sezione Locale di ELSA (The European Law Steudents’ Association) Napoli e per due anni presidente nazionale di ELSA Italia l’organizzazione internazionale che riunisce studenti e neolaureati di Giurisprudenza di tutta Europa. Cos’è il Forum Regionale e di cosa si occupa? Il Forum nato nel 2004, è un organismo di partecipazione e consultazione della Regione Campania in materia di politiche giovanili. E’ composto dai rappresentanti regionali dalle Associazioni giovanili di rilevanza regionale e dalle forze giovanili di partito, d' età compresa tra i 18 ed i 29 anni. Istituito con la Legge Regionale n°14 dell’89, nasce con l’obiettivo di favorire occasioni di confronto tra le nuove generazioni e Istituzioni.