#Opportunità

Anno Europeo delle Pari Opportunità: Torino coinvolge i giovani con un concorso fotografico

(di Andrea Sottero)

logo_conc_pari_opportunit.jpgMolti, probabilmente nemmeno lo sapevano. I più sicuramente lo avevano dimenticato: il 2007 è l’Anno Europeo delle pari opportunità.

Eppure il tema è tra i più attuali e dibattuti a livello nazionale. Garantire le pari opportunità significa in primis abbattere i muri ideologici della diversità. E mai come oggi questa fa paura!

Un tempo era la diversità di uomini e donne, di operai del Nord ed emigranti del Sud Italia. Ad oggi, in questi ambiti si sono fatti passi da gigante (benché si possa facilmente obiettare che si deve ancora lavorare molto), ma siamo di fronte a nuove sfide, non facili da accettare, prima ancora che da accogliere a braccia aperte.

Gli immigrati in cerca di lavoro, di fortuna, conco.jpgdella loro America ne sono un esempio tra i più noti e discussi. Città come Torino, abituate da tempo ai flussi migratori, si sono attrezzate con una miriade di iniziative per rendere quanto più agevole possibile l’integrazione tra i cittadini e nuovi arrivati.

Ma il grosso del lavoro va fatto per sconfiggere i pregiudizi e i preconcetti, tanto degli uni come degli altri.

Che dire poi dei ragazzi in cerca di lavoro, dei lavoratori precari plurilaureati generazione trent’anni, che a seconda dei casi si trovano ad essere senza esperienza o troppo qualificati, in ogni caso “inadatti”, secondo una mentalità palesemente poco propensa a vedere nei giovani una risorsa, ad esprimere appieno le loro potenzialità professionali.

Per ricordare e sensibilizzare, nel modo forse più incisivo, proprio i giovani a questa tematica quanto mai attuale, CittAgorà, il periodico del consiglio comunale di Torino (www.cittagora.it), insieme alla commissione consiliare Diritti e Pari opportunità, ha organizzato un concorso fotografico riservato a coloro di età compresa tra i 18 e i 35 anni.

po2007.jpg

Ogni partecipante potrà inviare al massimo 3 fotografie, scattate a Torino e inedite. Il materiale dovrà pervenire all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro il 15 Ottobre. La commissione giudicatrice stilerà una graduatoria delle 50 foto ritenute più originali e significative, che verranno utilizzate per il calendario di CittAgorà del 2008 e verranno presentate in una mostra allestita in città nel mese di Novembre. I primi tre scatti classificati, inoltre, riceveranno rispettivamente 1000, 600 e 400 euro.

 

Ulteriori informazioni e la modulistica per partecipare sono disponibili all’indirizzo: http://www.comune.torino.it/cittagora/concorso/

#ProtagonismoGiovanile

La confcommercio di Savigliano premia le idee degli aspiranti giovani imprenditori

di Andrea Sottero

Incentivare i giovani imprenditori e le loro idee dovrebbe essere il cuore della politica economica di un Paese che mira a rimanere tra i protagonisti della scena economica e tecnologica mondiale e che ha a cuore il futuro delle nuove generazioni. Purtroppo, troppo spesso, a livello istituzionale, riesce più semplice discutere (per altro il più delle volte con risultati scarsi, se non pessimi) su come agevolare chi ha già in mano le chiavi di un’attività imprenditoriale, piuttosto che chi ha dalla sua solo una buona idea, ma non i mezzi per realizzarla o almeno la visibilità per proporla.

#ServizioCivile

Il Servizio civile a Rimini si apre agli stranieri

di (Lab/Pe/Adnkronos)

servciv.jpg

Il servizio civile volontario nella provincia di Rimini apre le porte ai giovani cittadini stranieri. Infatti, presso quattro enti accreditati della provincia, sono disponibili 10 posti per altrettanti giovani stranieri, con eta' tra i 18 e i 28 anni, che vogliano prestare servizio civile volontario.

#Opportunità

Concorso Journalist Award 2007

(di Anna Laudatijournalist_award_2007.gif)

L’Unione Europea bandisce il Premio Giornalistico 2007 "Sì alle diversità. No alle discriminazioni.” Il premio è stato istituito per diffondere nell'opinione pubblica una conoscenza più approfondita dei vantaggi delle diversità e della lotta contro la discriminazione sociale.

#Opportunità

Web, esperti "ripuliscono" l'immagine online di chi cerca lavoro

(da Reuters.it)

raputation_defender.jpgChi cerca lavoro farebbe meglio a stare attento alla propria immagine in Rete -- ovvero ai dati che saltano fuori quando si digita il proprio nome in Google -- e se è il caso, dare una "ripulita" al suo profilo.

Sono sempre di più infatti, i datori di lavoro che dichiarano di compiere una ricerca "aggiuntiva" su Google rispetto al curriculum del candidato che devono esaminare, per scoprire qualcosa in più, e spesso scartano un potenziale dipendente proprio in seguito alle scoperte fatte in Rete.

Per questo sono nati servizi di "difesa della reputazione" come quello offerto da ReputationDefender.com, che per 10 dollari al mese invia al cliente un report con tutti i risultati delle ricerche internet sul suo conto.

Per 30 dollari al mese, ReputationDefender si occupa inoltre di "ripulire" i risultati delle ricerche da qualsiasi elemento che per il cliente potrebbe risultare lesivo della propria reputazione, come ad esempio una fotografia da ubriaco ad una festa universitaria, o un post poco gratificante scritto da una ex fidanzata.

Anche dall'altra parte della barricata tuttavia la tecnologia aiuta: mentre ReputationDefender lavora solo con clienti individuali, DefendMyName.com offre servizi sia ai candidati che ai datori di lavoro, fornendo report dettagliati basandosi su ricerche internet.

Uno studio su 1.150 manager del sito trovalavoro Careerbuilder.com ha scoperto che il 26% dei manager ammette di utilizzare i motori di ricerca come Google e il 12% usa i siti di social networking come Facebook.com nel processo di selezione del personale.

Tra questi, il 63% ha affermato di aver rifiutato dei candidati proprio in seguito a scoperte fatte durante la ricerca.

#ProtagonismoGiovanile

Giovani giapponesi dediti a risparmio e faccende domestiche

da Reuters.it

Sempre più giovani giapponesi sono attenti al risparmio e nel weekend si tengono occupati con ggiovani_giapponesi.jpgfaccende domestiche invece di comprare macchine e uscire a bere, rivela il sondaggio di un quotidiano online condotto su 1.207 ragazzi e ragazze sulla ventina.

Appena il 13% dei ventenni intervistati dal quotidiano economico afferma di possedere un'auto, in diminuzione rispetto al 23,6% rilevato da un sondaggio del 2000.

Solo un quarto dei giovani, inoltre, afferma di desiderare un'auto, in confronto alla metà che la desiderava nel 2000.

Più di un terzo degli interpellati afferma di bere meno di una volta al mese, e il 29,6% sostiene che l'alcol sia "uno spreco di denaro". ll 43% degli intervistati dice inoltre di passare la maggior parte dei weekend a casa, occupando il tempo con faccende come il bucato e le pulizie.

#ServizioCivile

Servizio civile: la denuncia del Codacons

da ilTempo.it

servizio20civile20gruppetto20di20ragazzi20spot_h.jpg«Numeri Verdi muti ad agosto». In un’indagine condotta dai volontari del Servizio Civile del Codacons in una normale giornata feriale, precisamente il 13 Agosto - riferisce un comunicato stampa - è risultato che «al Ministero dell’Ambiente-Carabinieri per le emergenze ambientali risponde la segreteria telefonica.

#ServizioCivile

4 idee di... Enrico Maria Borrelli

foto_presiodente_in_ufficio.jpgda esseciblog.it

Enrico Maria Borrelli, presidente di Amesci e del Forum nazionale per il servizio civile, risponde alla nostre 4 domande.
1. Cosa manterresti del servizio civile nazionale di oggi?
La dimensione di esperienza nazionale, favorendo la creazione di una comunità tra i giovani che ancora troppo poco si riconoscono come apparentati da una medesima esperienza.

#ServizioCivile

Servizio civile: 45.890 i volontari avviati nel 2006

da Ansa.it
manifesto_serv_civ.jpgDonna, meridionale, con tasso di istruzione medio-alto, di età prevalente tra 21 e 26 anni: è il ritratto del volontario del Servizio civile nazionale, come si evince dalla 'Relazione sull'organizzazione, sulla gestione e sullo svolgimento del servizio civile per l'anno 2006' trasmessa oggi alla Camera dal ministro della solidarietà sociale, Paolo Ferrero; 45.890 i volontari avviati nel corso del 2006 al Servizio, rispetto a un numero di posti richiesti di 51.005 unità; 439 i volontari inseriti in progetti all'estero.
#ServizioCivile

I giovani israeliani esonerati dal servizio militare svolgeranno il servizio civile

da ansa.it

foto_ansa.jpgIsraele istituisce un servizio civile in cui impiegare i giovani esonerati, per varie ragioni, dal servizio militare di leva obbligatorio.